Di uomini e-mouse

Perché uomini e-mouse

Da John Steinbeck, con il suo romanzo “Uomini e Topi”, la suggestione semantica da cui deriva il nome di questo spazio di conversazione.
Per prima cosa, quindi, Uomini e-mouse è un gioco di parole. Un adattamento sui generis (in realtà il plurale mouses è stato sostituito da un più orecchiabile e diretto singolare) che prende in considerazione – per il momento – semplicemente il titolo dell’opera dello scrittore americano, anche se la trama di Uomini e Topi potrà fornire non pochi spunti di riflessione.
La suggestione in questione è fin troppo evidente: oggi siamo un po’ tutti Uomini con un “topo”, il mouse che è diventato materialmente e simbolicamente un prodromo o una parte reale dei nostri arti, con il quale ci catapultiamo negli habitat digitali.
Di cosa parlemo?…di Antropos+DATA+Logos. Dell’Uomo declinato nell’E-era, dei Data e della nuova forma di parola/pensiero, cercando di sintonizzarci sui canali intrecciati dell’informazione.
Esploreremo storie di Architetture Umane, seguendo – come topi – Sotterranei Digitali per intercettare Latitudini Sperimentali contemporanee.
Molto più semplicemente analizzeremo. Raccontando stories. Ripubblicando materia(le). Rifettendo sulla sostanza.